Rassegna di normativa, dottrina, giurisprudenza

Ricerca in Foro di Napoli
  • Cassazione: reato enfatizzare gli aspetti comici di una persona

    (Adnkronos) E' reato enfatizzare gli aspetti comici di una persona.Lungi dall'indurre al riso, "esaltare il ridicolo" di certi atteggiamenti, rileva la Cassazione, equivale ad offendere una persona. Il caso analizzato dai giudici della Quinta sezione penale e' scaturito dal libro 'L'amato Bene' sullo scomparso attore drammaturgo Carmelo Bene. Nel volume, scritto da Antonio Conte, come ricostruisce la sentenza 35513, venivano riferiti "episodi paradossali ed incredibili del rapporto tra Carmelo Bene e sua moglie". Episodi che, a modo di vedere del gup di Mondovi', non costituivano diffamazione in quanto si trattava di descrizioni dalla "forte caratterizzazione caricaturale che non avevano scopo diffamatorio ma solo quello di indurre il riso nel lettore e questo intento aveva indotto l'autore a caricare gli aspetti comici o paradossali delle vicende narrate". Contro l'assoluzione accordata all'autore del libro dal gup, nel marzo 2006, ha fatto ricorso in Cassazione la Procura di Mondovi', sostenendo che enfatizzare gli aspetti comici di qualcuno equivale ad offenderlo. Piazza Cavour ha accolto il ricorso della Procura e ha osservato che "il giudice ha ritenuto che l'effetto comico che" l'autore del volume "intendeva conseguire nel riferire con toni intensamente caricaturali, episodi paradossali ed incredibili del rapporto tra il defunto Carmelo Bene e sua moglie, potesse valere di per se' ad escludere la sussistenza del reato contestato, senza considerare che proprio il perseguimento di tale effetto rendeva piu' manifestamente lesiva la portata denigratoria e percio' diffamatoria della narrazione la cui valenza lesiva della reputazione della signora Giuliana Rossi (moglie di Bene) non poteva sfuggire". Sara' ora il gip del Tribunale di Mondovi' a riesaminare il caso, ricordando che "caricare i toni ed esaltando il ridicolo di certi comportamenti costituisce offesa penalmente rilevante".

    http://torino.repubblica.it/dettaglio-news/13:19/3859501

0 commenti:

Leave a Reply