Rassegna di normativa, dottrina, giurisprudenza

Ricerca in Foro di Napoli
  • Uso illecito di carte di credito ed altri mezzi di pagamento

    Il reato di cui all'art. 55/9 del D.Lgs. 231/2007, concernente l'uso indebito di carte di credito o documenti equivalenti, non è configurabile nel caso di attivazione ed intestazione di schede telefoniche a soggetti inesistenti.

    Il reato di cui all’art. 55/9 del D.Lgs. 231/2007, concernente l’uso indebito di carte di credito o documenti equivalenti, non è configurabile nel caso di attivazione ed intestazione di schede telefoniche a soggetti inesistenti.

    Non è ravvisabile il reato di uso illecito di carte di credito o altro mezzo di pagamento che abiliti al prelievo di denaro contante o all'acquisto di beni o alla prestazione di servizi (art. 55/9 del d.lgs. 231/2007) nel caso di attivazione e intestazione a persone inesistenti di schede di gestori telefonici.

    È quanto ha affermato il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Napoli (sentenza 22 luglio 2010, sez. X).

    L’accusa a carico dell’imputato nasceva dal ritrovamento nella disponibilità di costui di un rilevante numero di schede telefoniche TIM, VODAFONE, 3, pronte per la vendita ed intestate a soggetti inesistenti attraverso una falsa procedura di attivazione a mezzo computer, violando così le norme in materia di corretta identificazione della utenza destinata all’utilizzo dei servizi di telefonia mobile

    Il Giudice per le indagini preliminari, ritenuta la sussistenza del reato di ricettazione, ha escluso la configurabilità del reato di cui all’art. 55/9 del d.lgs. 231/2007, ritenendo che, allorquando il legislatore ha fatto riferimento a prestazione di servizi, ha inteso riferirsi esclusivamente a quelli di natura finanziaria, ciò “anche in relazione all'ontologica diversità fra le carte di credito e di pagamento - da un lato - e le schede telefoniche - dall'altro -, la quale ben si coglie ove si consideri che mentre l'utilizzo delle prime consente di disporre in maniera immediata di somme di denaro, le seconde permettono unicamente di accedere ai servizi di un determinato gestore di telefonia mobile, con pagamento degli stessi anticipato e non già differito e necessariamente versato dall'utilizzatore della scheda o da un suo incaricato”.

    http://www.ipsoa.it/PrimoPiano/Diritto/uso_illecito_di_carte_di_credito_ed_altri_mezzi_di_pagamento_id1008412_art.aspx

0 commenti:

Leave a Reply