Rassegna di normativa, dottrina, giurisprudenza

Ricerca in Foro di Napoli
  • Dai giudici di Cassazione una lezione sui contratti

    La sentenza della Corte di cassazione n. 2521/ 2012 (si veda l'articolo a pagina 21) potrebbe avviare un chiarimento importante su una vicenda giudiziaria che ha determinato contenziosi seriali molto rilevanti in alcune zone del Paese, quella delle cosiddette causali del contratto di somministrazione. Per capire la vicenda bisogna ripartire dagli inizi, quando fu approvata la riforma Biagi. Dopo la trasformazione del lavoro interinale in somministrazione di manodopera, era opinione comune che tale contratto potesse essere utilizzato senza particolari requisiti formali. Sulla base di tale interpretazione, sono stati stipulati migliaia di contratti, senza dedicare attenzioni particolari alle cosiddette causali. Molti anni dopo la conclusione di tali contratti, si è sviluppato un filone giurisprudenziale improntato a un rigore formale del tutto imprevisto e imprevedibile, che ha portato all'annullamento in serie di quei contratti (e alla conversione a tempo indeterminato dei rapporti di lavoro collegati). La situazione ha acquisito un tale rilievo che il legislatore, per ben tre volte (nel 2009, con la Finanziaria 2010, l'estate scorsa, con l'articolo 8 della legge 148/20011 e di recente con il decreto legislativo 24/2012) ha previsto una serie di ipotesi in cui la causale non deve essere apposta, con lo scopo di aggirare il problema. La sentenza della Corte sembra andare in parallelo con tali interventi legislativi, in quanto cerca di contenere il fenomeno, mediante un'interpretazione delle norme della riforma Biagi più fedele al loro testo letterale. I Tribunali di merito dovranno ora necessariamente tenere conto della nuova interpretazione, considerato che uno dei compiti essenziali della Corte di cassazione è quello di assicurare l'applicazione uniforme della legge. http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2012-04-03/giudici-cassazione-lezione-contratti-064329.shtml?uuid=Ab14GDIF

0 commenti:

Leave a Reply