Rassegna di normativa, dottrina, giurisprudenza

Ricerca in Foro di Napoli
  • L'ex che ha perso il lavoro non deve pagare gli alimenti

    La perdita del lavoro a causa della crisi salva dalla condanna per il mancato versamento dell'assegno all'ex moglie. E il giudice prima di condannare l'ex marito che non versa l'assegno per violazione degli obblighi di assistenza familiare deve verificare che il mancato pagamento sia dovuto a una precisa volontà e non invece a
    un peggioramento delle condizioni economiche. La Corte di cassazione con la sentenza 5239 spezza una lancia in favore degli ex che si trovano in difficoltà finanziarie a causa della crisi. Una sensibilità al problema di cui beneficia il ricorrente che era stato condannato dalla Corte d'appello a un mese di reclusione per non aver versato il mantenimento alla ex moglie per oltre un anno. L'uomo aveva fatto ricorso in Cassazione considerando immotivata una condanna adottata nei suo confronti senza considerare il suo stato di indigenza, dovuto alla perdita del lavoro che lo aveva messo in una condizione di disagio al punto da essere ammesso al patrocinio a carico dello Stato. La Cassazione sottolinea che il verdetto era basato su una motivazione irragionevole: i giudici di merito avevano ritenuto semplicemente non credibile che per oltre un anno l'uomo non fosse stato in grado di adempiere, neppure parzialmente, al suo dovere. Per i giudici della Sesta sezione penale si tratta di una deduzione illogica anche in considerazione della crisi ecomica in corso. La Suprema corte sottolinea che il reato, previsto dall'articolo 570 comma 1 del Codice penale, può scattare, in caso di separazione, solo quando è accertato che l'omissione è il risultato della precisa volontà di negare che esista un obbligo di assistenza che ancora esiste. Solo in tal caso la condotta va considerata contraria all'ordine e alla morale della famiglia. La Corte di cassazione ricorda poi che nessuno, neppure le coppie ancora unite dal vincolo matrimoniale, sono al riparo dai rovesci finanziari. Dal momento che l'assegno di mantenimento ha, infatti, la funzione di assicurare lo stesso tenore della vita coniugale, sarebbe del tutto irragionevole non esaminare, ai fini dell'accertamento del reato, se il soggetto obbligato ha subìto variazioni di reddito tali da poter incidere proprio sul tenore di vita: un peggioramento di cui la coppia avrebbe risentito anche se fosse stata ancora sposata. La perdita del posto di lavoro può certamente determinare quella condizione di disagio che, se verificata, è sufficiente a escludere l'antigiuridicità del fatto contestato. La Cassazione rinvia a un'altra sezione della Corte d'appello invitando i giudici a fare il lavoro di approfondimento “sfuggito” in prima battuta, malgrado il ricorrente avesse fornito tutti gli elementi utili per dimostrare che realmente non si era trovato nella condizione di versare l'assegno. http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2014-12-18/salvo-ex-che-non-paga-perche-ha-perso-lavoro-083304.shtml?uuid=ABQnzWSC

0 commenti:

Leave a Reply