Rassegna di normativa, dottrina, giurisprudenza

Ricerca in Foro di Napoli
  • Cyberbullismo, ecco il modulo per la denuncia al Garante

    Un modulo per mettere nero su bianco la denuncia di cyberbullismo e attivare così le tutele previste dalla legge n. 71/2017. A predisporre il modello è stato il Garante per la protezione della Privacy che ha caricato sul sito il file che si può scaricare, compilare e inviare per richiedere la rimozione dei dati
    personali pubblicati online «allo scopo intenzionale e predominante di isolare il minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso o la loro messa in ridicolo».
    Il minore può chiedere al sito di rimuovere i dati
    Nel modulo, composto da tre pagine, il minore ultraquattordicenne o i genitori di un ragazzo con meno di 14 anni devono indicare il tipo di violenza telematica subita, scegliendo tra: pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione o trattamento illecito di dati. In alternativa, con il modello è possibile denunciare la diffusione di contenuti online aventi a oggetto in minore.
    Bulli online, la scuola risponde in sede civile
    È poi necessario specificare qual è il sito internet o il social network sul quale sono stati diffusi i contenuti lesivi, indicando l’indirizzo url della pagina web.
    Attraverso il modulo si può fornire una breve descrizione dei fatti, spiegando al Garante la vicenda. Il modello va trasmesso via mail all’indirizzo cyberbullismo@gpdp.it. Alla mail è possibile anche allegare immagini, video o screenshot che permettano di verificare l’illecito.
    Il richiedente deve anche indicare se è stata o meno presentata l’istanza di oscuramento o rimozione dei contenuti al gestore del sito e se è stata o meno presentata denuncia alle autorità.

    http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2017-08-25/cyberbullismo-ecco-modulo-la-denuncia-garante-110240.shtml?uuid=AEkFtYHC


0 commenti:

Leave a Reply