Rassegna di normativa, dottrina, giurisprudenza

Ricerca in Foro di Napoli
  • Concorso pubblico giudice tributario 2016: requisiti, domanda, scadenza e posti disponibili

    Concorso giudice tributario 2016/2017: chi può partecipare al bando e come fare domanda? Tutte le informazioni utili su requisiti, modulo di partecipazione, termini e scadenze.

    È stato indetto un concorso pubblico per titoli per 202 posti a giudice nelle commissioni tributarie regionali e provinciali. Gli aspiranti giudici tributari possono fare domanda di partecipazione entro i termini di scadenza indicati sul bando, dove sono riportati tutti i requisiti generali per poter essere ammessi alla selezione.
    Secondo quanto deciso dalla riforma delle commissioni tributarie, infatti, l’assunzione del giudice tributario deve avvenire per concorso pubblico, per titoli ed esami con specifico riferimento alle norme sostanziali e processuali di natura fiscale. Inoltre i giudici tributari, sia provinciali che regionali, devono essere a tempo pieno e professionalmente competenti.
    Il modulo di partecipazione al concorso di giudice tributario regionale e provinciale 2016, però, non è ancora stato pubblicato, per cui è consigliato tenere d’occhio il sito del Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria.
    Come fare per diventare giudice tributario e quali sono le modalità e i requisiti indispensabili per partecipare al concorso pubblico attivo in Italia? Ecco tutte le info utili sul bando di concorso per titoli giudice tributario, le posizioni aperteregione per regione e provincia per provincia, i requisiti e i termini entro cui inviare la propria candidatura.

    Come diventare giudice delle commissioni tributarie 2016

    Ecco chi può diventare giudice delle commissioni tributarie provinciali e regionali, come riportato dagli art. 4 e 5 del dl 545/1992.
    Giudice commissioni tributarie provinciali:
    a) i magistrati ordinari, amministrativi o militari, in servizio o a riposo, e gli avvocatie procuratori dello Stato, a riposo;
    b) i dipendenti civili dello Stato, o di altre amministrazioni pubbliche in servizio o a riposo che hanno prestato servizio per almeno dieci anni, di cui almeno due in una qualifica alla quale si accede con la laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o altra equipollente;
    c) gli ufficiali della Guardia di Finanza cessati dalla posizione di servizio permanente effettivo prestato per almeno dieci anni;
    d) coloro che sono iscritti negli albi dei ragionieri e dei periti commerciali ed hanno esercitato per almeno dieci anni le rispettive professioni;
    e) coloro che, in possesso del titolo di studio ed in qualità di ragionieri o periti commerciali, hanno svolto per almeno dieci anni, alle dipendenze di terzi, attività nelle materie tributarie ed amministrativo-contabili;
    f) coloro che sono iscritti nel ruolo o nel registro dei revisori ufficiali dei conti o dei revisori contabili, ed hanno svolto almeno cinque anni di attività;
    g) coloro che hanno conseguito l’abilitazione all’insegnamento in materie giuridiche, economiche o tecnico-ragionieristiche ed esercitato per almeno cinque anni attività di insegnamento;
    h) gli appartenenti alle categorie indicate nell’articolo 5;
    i) coloro che hanno conseguito da almeno due anni il diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio;
    l) gli iscritti negli albi degli ingegneri, degli architetti, dei geometri, dei periti edili, dei periti industriali, dei dottori in agraria, degli agronomi e dei periti agrari che hanno esercitato per almeno dieci anni le rispettive professioni.
    Giudici delle commissioni tributarie regionali:
    a) i magistrati ordinari, amministrativi e militari, in servizio o a riposo e gli avvocati e procuratori dello Stato, a riposo;
    b) i docenti di ruolo universitari o delle scuole secondarie di secondo grado ed i ricercatori in materie giuridiche, economiche e tecnico-ragionieristiche, in servizio o a riposo;
    c) i dipendenti civili dello Stato o di altre amministrazioni pubbliche, in servizio o a riposo, in possesso di laurea in giurisprudenza o economia e commercio o altra equipollente, che hanno prestato servizio per almeno dieci anni in qualifiche per le quali è richiesta una di tali lauree;
    d) gli ufficiali superiori o generali della Guardia di Finanza cessati dalla posizione di servizio permanente effettivo;
    e) gli ispettori del Servizio centrale degli ispettori tributari cessati dall’incarico dopo almeno sette anni di servizio;
    f) i notai e coloro che sono iscritti negli albi professionali degli avvocati e procuratori o dei dottori commercialisti ed hanno esercitato per almeno dieci anni le rispettive professioni;
    g) coloro che sono stati iscritti negli albi professionali indicati nella lettera f) o dei ragionieri e dei periti commerciali ed hanno esercitato attività di amministratori, sindaci, dirigenti in società di capitali o di revisori di conti.

    Concorso giudice tributario 2016, bando: requisiti

    Gli aspiranti candidati, per essere ammessi al concorso, oltre ai requisiti sopracitati, dovranno essere in possesso di altri requisiti che dovranno essere documentati in maniera idonea o certificati mediante dichiarazione sostitutiva al momento di presentazione della domanda.
    • Cittadinanza italiana
    • Esercizio dei diritti civili e politici
    • Non aver riportato condanne per delitti comuni non colposi o per contravvenzioni a pena detentiva o per reati tributari e non essere stato sottoposto a misure preventive o di sicurezza
    • Età massima di 72 anni alla data di scadenza del termine stabilito nel bando di concorso
    • Idoneità fisica e psichica
    • Laurea magistrale o quadriennale in materie giuridiche o economico-aziendalistiche
    • Attestato di bilinguismo relativo alla conoscenza della lingua italiana e tedesca (requisito riservato ai partecipanti per le sedi di Bolzano).

    Concorso giudice tributario 2016: come fare domanda

    Il modulo di domanda per la partecipazione al concorso sarà pubblicato entro il12 settembre 2016. Per scaricarlo e compilarlo bisogna andare sul sito del Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria nella sezione “Pubblicità Legale” > “Concorsi”.
    La domanda di partecipazione al concorso deve essere inviata alla Segreteria del Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria dal 15 settembre al 30 ottobre 2016, con posta elettronica certificata personale all’indirizzoUfficioSegreteriaCPGT@pce.finanze.it, oppure via posta a mezzo raccomandata A/R (farà fede il timbro a data dell’ufficio postale accettante) all’indirizzo via Solferino n.15, 00185 Roma.
    Nella domanda occorre inserire questi dati:
    • cognome, nome, luogo e data di nascita se nato all’estero, il comune italiano nei cui registri di stato civile è stato trascritto l’atto di nascita
    • possesso della cittadinanza italiana
    • comune di residenza
    • godimento dei diritti politici
    • eventuali condanne penali e i procedimenti penali pendenti in Italia e all’estero
    • titolo di studi, data di conseguimento e nome dell’istituto presso cui è stato conseguito
    • i servizi e/o le attività eventualmente prestati e valutabili in base alla Tabella E del modulo
    • ogni altro elemento utile ai fini della valutazione dei titoli di preferenza.
    Qui di seguito potete trovare il bando di concorso:   PDF - 493.4 Kb


    Concorso giudice tributario 2016 bando: posti disponibili

    I posti messi a disposizione dal bando sono 84 per quanto riguarda le commissioni regionali, mentre ci sono 118 posizioni vacanti sulle commissioni provinciali. Ecco di seguito quali sono le posizioni aperte per giudici di commissioni tributarie, divisi per regioni e provincie.
    Posizioni aperte concorso per titoli giudice tributario regionale 2016
    • Basilicata: 2 posti disponibili;
    • Bolzano II Grado: 3 posti disponibili;
    • Calabria: 5 posti disponibili;
    • Campania: 20 posti disponibili;
    • Emilia Romagna: 3 posti disponibili;
    • Friuli Venezia Giulia: 1 posto disponibile;
    • Liguria: 2 posti disponibili;
    • Lombardia: 15 posti disponibili;
    • Marche: 3 posti disponibili;
    • Molise: 2 posti disponibili;
    • Piemonte: 1 posto disponibile;
    • Puglia: 3 posti disponibili;
    • Sardegna: 6 posti disponibili;
    • Sicilia: 13 posti disponibili;
    • Toscana: 3 posti disponibili;
    • Umbria: 1 posto disponibile;
    • Veneto: 1 posto disponibile.
    Posizioni aperte concorso per titoli giudice tributario provinciale 2016
    • Provincia di Agrigento: 5 posti disponibili;
    • Provincia di Arezzo, Ascoli Piceno, Bari, Benevento, Biella, Brindisi, Cremona, Enna, Forlì, La Spezia, L’Aquila, Latina, Lucca, Macerata, Matera, Oristano, Padova, Parma, Perugia, Piacenza, Ragusa, Reggio Calabria, Savona, Siracusa, Sondrio, Taranto, Torino, Trapani, Treviso, Verona, Vibo Valentia, Vicenza, Viterbo: 1 posto disponibile;
    • Provincia di Bolzano, Frosinone, Lecce, Messina: 4 posti disponibili;
    • Provincia di Cagliari, Catanzaro, Crotone, Firenze, Foggia, Isernia, Nuoro, Pesaro, Pescara, Sassari, Venezia: 2 posti disponibili;
    • Provincia di Caserta, Milano: 8 posti disponibili;
    • Provincia di Catania, Napoli: 10 posti disponibili;
    • Provincia di Cosenza: 3 posti disponibili.
    https://www.forexinfo.it/Concorso-pubblico-giudice-tributario-2016-requisiti-domanda-modulo-scadenza

0 commenti:

Leave a Reply