Rassegna di normativa, dottrina, giurisprudenza

Ricerca in Foro di Napoli
  • RIFIUTI: NO DEI SINDACI ALL'ACCORDO, BERTOLASO "AVANTI LO STESSO"

    Il governo va avanti, nonostante il 'no' dei sindaci all'accordo sull'emergenza rifiuti in Campania. "Consideriamo questo accordo valido e ci sara' un rispetto unilaterale", ha dichiarato il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, nel corso di una conferenza stampa convocata dopo l'incontro in Prefettura con i sindaci, "noi da questo documento non arretriamo di un passo va oltre quello che dovevamo fare, lo Stato anche in questo caso fara' lo Stato.
    Una decisione non di fermezza ma che significa saggezza". Il sindaco di Boscoreale, Gennaro Langella, aveva spiegato che "i cittadini chiedevano piu' garanzie su Cava Vitiello".
    "Non e' stato possibile averle" ha aggiunto, "e abbiamo deciso di non sottoscrivere il documento". Secondo Langella e' necessario fare "opportuni controlli e analisi e riscontri anche con tecnici di nostra fiducia" nell'ex Cava Sari in uso, "perche' dobbiamo capire con esattezza il reale stato della discarica, se e' a norma o se e' necessario intervenire". E a chi gli domanda se denunceranno il gestore precedente cioe' Asia, azienda del Comune di Napoli, il primo cittadino di Boscoreale risponde: "assolutamente si' come abbiamo fatto con un esposto a Nola, perche' a nostro avviso ci sono state irregolarita'". Resta aperta la porta al dialogo: "ieri sera ci eravamo riservati di contattare i nostri concittadini. Da loro abbiamo avuto il mandato di cercare maggiori garanzie sulla non apertura della seconda discarica di cava Vitiello. Abbiamo illustrato le nostre ragioni al dottor Bertolaso, e purtroppo per altri tipi di ragioni non ha potuto accettare le nostre condizioni e quindi ci siamo trovato costretti a non poter sottoscrivere questo documento". Langella ha aggiunto di temere che le proteste vadano avanti. "Si stanno formando dei gruppetti di facinorosi che probabilmente nulla hanno a che vedere con questa lotta" ha detto, "ci saranno altre ragioni che li spingono a compiere gesti forti ed eclatanti, e sicuramente non sono cittadini delle nostre zone". E proprio a Terzigno, nella zona adiacente via Passanti, nella stessa stradina dove erano stati bloccati e arrestati due ventunenni, la polizia sequestrato un ordigno artigianale e un passamontagna. Non sembra invece legata alle proteste la morte di un capoturno della societa' Asia Stir di Giugliano investito - secondo una prima ricostruzione - da una pala meccanica.

    http://www.agi.it/napoli/notizie/201010241803-ipp-rt10068-rifiuti_no_dei_sindaci_all_accordo_bertolaso_avanti_lo_stesso

0 commenti:

Leave a Reply